Non viaggiate, vi prego.

Non viaggiate, vi prego non fatelo. È assolutamente inutile che voi viaggiate: non vi servirà a nulla. È perfettamente inutile che voi andiate, ad esempio, a Parigi a passare una vacanza. Vi affaticherete per il viaggio e per la scomodità di non poter portare con voi tutto quello che realmente vi occorrerebbe, farete la fila al Louvre per vedere alcune opere d’arte che potreste vedere molto meglio su internet o su edizioni patinate di gran pregio, risparmiando sulla audioguita con Wikipedia sul vostro desktop. Eviterete di prendere caffé che non è all’altezza di quello italiano dei bar vicino a casa vostra.

Non viaggiate per andare a visitare dei paesi lontani. È inutile che spendiate tanti soldi per dormire in alberghi che cercano di assomigliare a casa vostra, per fare scomode gite di ore per visitare luoghi e per sentire spiegazioni che avrete visto e ascoltato mille volte sui canali del National Geographic.

Non viaggiate in paesi stranieri perché sarà difficile trovare un ristorante dove facciano degli spaghetti decenti o un ragù degno di questo nome.

Non viaggiate nelle città d’arte perché per “vedere tutto” di quello che c’è a Venezia, a Firenze, a Roma, a Parigi o in qualsiasi altro luogo vi basta un computer e un collegamento web. Sarà senz’altro meglio che osservare i monumenti scendendo e salendo dagli autobus prenotati per il vostro gruppo dalla vostra agenzia di viaggio.

È inutile che viaggiate: avrete girato mezzo mondo abitando sempre la solita stanza con il bagno al quale si accede dal corridoio d’ingresso, con l’armadio di fronte alla porta del bagno e con la stanza con il matrimoniale, due comodini e una scrivania con il televisore. Avrete pagato per vivere in una caricatura di casa vostra: in Nepal come in Egitto, in Argentina come a Singapore. Non avrete conosciuto nulla e nessuno che provenisse dal luogo che avete visitato, non conoscerete nulla delle vere usanze del popolo che abita la vostra meta e avrete speso dei denari per mangiare male in locale dove degli attori fingevano di fare del flamenco o dove fingevano di fare danza del ventre o tango.

Non viaggiate, vi prego. Piuttosto leggetevi dei libri e guardate dei film, ma non buttate i vostri soldi in viaggi che, lo ripeto, sono inutili e che arricchiscono solo chi li organizza.

Gianluca Floris

Advertisements

About gianlucafloris

"gianlucafloris" punto "me" "gianlucafloris" dot "me"
Gallery | This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.