Perché il grillismo è nocivo con le sue false asserzioni.

Punto su punto.

1 – Sono tutti ladri.
Non è certamente vero. Conosco politici che sono onesti e che svolgono eticamente il loro ruolo. Quindi non sono TUTTI ladri.

2 – È il sistema completamente marcio.
Non è vero. Il sistema di per sé non è marcio. Abbiamo ancora una scuola e una sanità pubblica, nella mia città si fa la raccolta dei rifiuti, ci sono i mezzi di trasporto pubblici, ecc. Sono i ladri, gli approfittatori e gli incompetenti a rovinare il paese, a minare i diritti di tutti. Nazioni democratiche come la nostra, ma che non sono l’Italia, funzionano benissimo pur avendo il nostro stesso “sistema” perché c’è eticità diffusa fra i cittadini e quando uno viene beccato con le mani nella marmellata si dimette subito. Prima di qualsiasi processo. Si dimette da solo, per la vergogna. Il nostro sistema sulla carta è ottimo, il problema è che sono i cittadini italiani stessi a non avere coscienza civica e quindi, quando vanno a votare, scelgono in maggioranza di eleggere politici che gli assomiglino. Il problema non è il sistema, è il livello etico dei cittadini.

3 – Siccome sono tutti ladri e fanno tutti parte del sistema, i candidati 5Stelle sono gli unici “puri”.
E perché costoro sarebbero più puri degli altri? Perché li ha scelti Grillo? Perché li ha scelti Casaleggio? Perché ricevono i voti qualche migliaio di iscritti ad un blog? Perché non hanno mai avuto esperienza politica nemmeno di base? Perché non hanno mai ricoperto un incarico di responsabilità? In realtà nessuno può garantire che per il solo fatto di avere l’imprimatur di Grillo questi candidati 5Stelle siano “migliori degli altri”.

4 – Le scelte nostre sono più democratiche perché vengono fatte dalla base via internet.
Chiunque può fare il calcolo di quanti sono gli iscritti a Beppegrillo.it e quanti i voti che il Movimento di sua proprietà prende. Un sistema oligarchico dove poi l’ultima parola appartiene a Grillo e Casaleggio. Sono loro a decretare che, a seconda delle loro affermazioni, gli eletti dissidenti debbano essere espulsi o che aspiranti candidati non possano essere inseriti nelle liste. Solo due persone decidono per tutto il movimento e vorrebbero essere le due persone che decidono per tutto il paese. In nome del “popolo”, o della “rivoluzione”.

5 – Prima di tutto distruggiamo tutto, poi penseremo a cosa fare.
Lo stesso errore che ha creato lo spazio a tutti i totalitarismi del novecento e che ha portato la devastazione recente in Iraq e in Libia. Senza un progetto preciso e solido, distruggere tutto lascia solo spazio al più forte, a quello con meno scrupoli, alle bande armate in giro per strada.

6 – Quelle di Grillo sono solo battute ad effetto per fare propaganda.
Ma sono cose in cui i suoi adepti credono e in nome delle quali sono disposti a fare le cose che ogni giorno scrivono sul sito ufficiale. Le cose che un politico dice sono manifesti di quello che pensa. Fare delle liste dei giornalisti “nemici” del movimento, che ne abbiate contezza o no, è il primo passo verso l’instaurazione di un sistema totalitario dove comanderanno solo Grillo e Casaleggio. Dire che “vi processeremo pubblicamente” vuol dire che quel movimento si ergerà a giudice per autoproclamazione, saltando le garanzie del sistema giudiziario. Come nelle peggiori esperienze della storia anche recente. Dire che “i partiti si devono sciogliere” è proclamare convintamente che non si vuole il sistema della rappresentanza democratica, anziché semplicemente perseguire i disonesti.

7 – Tanto siamo già maggioranza.
Come lo era il partito Nazista in Germania, come lo era il Partito Fascista in Italia, come lo era il Partito Comunista dell’URSS, ecc. Nei fatti Grillo e Casaleggio lavorano affinché si verifichi esattamente la stessa cosa adesso in Italia. Lo dicono chiaramente ogni giorno dai loro siti.
Il fatto di essere maggioranza non garantisce il fatto di aver ragione. Come la volontà della maggioranza non porta i vantaggi alla maggioranza stessa, come la storia ci insegna.

8 – Almeno votando Grillo mandiamo a casa questi qua.
E così li sostituiamo con persone scelte da Grillo con l’unica garanzia che, se non gli obbediscono più lui li caccia. E secondo voi è un passo avanti? Vi fidate così tanto di una persona che è proprietaria privata di un movimento politico? Vi fidate così tanto di lui da mandare a pallino tutto il sistema delle elezioni democratiche, della rappresentanza del popolo in un parlamento, della separazione dei poteri ecc. ecc.? Vi fidate?
Perché dire “faremo i processi pubblici”, se non l’avete capito, significa mandare a puttane l sistema della separazione dei poteri che ci rende diversi dagli stati teocratici e dalle dittature. Perché dire “i partiti se ne devono andare” e dire “noi prenderemo il 96%” significa preconizzare il prossimo sistema molto più totalitario di quello nel quale viviamo. Perché dire “io sono oltre Hitler” significa quello che esattamente significa.

E, per concludere, vi faccio una domanda:

Visto che il sistema è in crisi e che siamo stati governati da incapaci e disonesti, siete voi disposti a correre il rischio di un nuovo totalitarismo di stampo nazionalsocialista nelle mani di una sola persona?

Io no.

Gianluca Floris

Advertisements

About gianlucafloris

"gianlucafloris" punto "me" "gianlucafloris" dot "me"
Gallery | This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.